La dieta del dottor Mozzi

Chi è il dottor Mozzi? In cosa consiste la sua dieta?

Queste sono le prime due domande a cui cercheremo di dare una risposta semplice ed esaustiva.

Chi è il dottor Mozzi?

Il dottor Piero Mozzi è un medico che ha sposato la causa della “Medicina Alternativa” a quella ufficiale. Ovvero il dottore non fa uso della chirurgia, o dei comuni farmaci per curare le patologie, ma utilizza metodi del tutto naturali che si basano su una corretta alimentazione e su alcune erbe dalle proprietà fitoterapiche.

ecco il dottor mozzi
dottor Mozzi

Il dottor Mozzi nato a Bobbio, in provincia di Piacenza, si è laureato in medicina presso l’Università degli studi di Parma ed è dunque un medico a tutti gli effetti. Tuttavia non ama le teorie della Medicina Ufficiale e non crede che si possa curare il malato soffocando i sintomi con la chirurgia e con i farmaci.

In cosa consiste la sua dieta?

La dieta del dottor Mozzi è la dieta del gruppo sanguigno, molto simile a quella elaborata alle origine dal naturopata americano, il dr. Peter D’Adamo, ma con modifiche significative che la rendono del tutto unica.

La sua dieta si prefissa l’ambizioso obiettivo di prevenire e curare la maggior parte delle patologie oggi conosciute. A tal proposito il dottor Mozzi ha poi scritto dei libri, di cui il principale si intitola appunto “La dieta del dottor Mozzi” e che da qualche anno a questa parte è irremovibile tra i bestseller del settore “dieta e salute”.

Che cos’è la dieta del gruppo sanguigno?

La dieta del gruppo sanguigno, come già detto, è stata ideata per la prima volta nel 1997 dalla mente geniale del naturopata americano, il dr. Peter D’Adamo.

La sua ricerca è partita dal libro One man’s food, pubblicato nel 1980 dal padre, James D’Adamo naturopata come il figlio. Secondo James D’Adamo l’appartenenza a uno specifico gruppo sanguigno influenza la nostra suscettibilità nei confronti delle malattie.

Il dr. Peter D’Adamo avrebbe poi proseguito la ricerca pubblicando Eat right 4 your type (in Italia pubblicato con il titolo L’alimentazione su misura, edito da Sperling & Kupfer).

Il gruppo sanguigno, che contraddistingue ognuno di noi, è una sorta di impronta genetica che stabilisce chi siamo, le scelte alimentari e lo stile di vita che più ci si addicono.

Oltre ad essere un metodo molto efficace per perdere peso e preservare la salute, questo tipo di alimentazione dimostra quanto sia importante personalizzare la nostra dieta seguendo le proprie caratteristiche.

I 4 gruppi sanguigni

Come sicuramente saprai i gruppi sanguigni sono quattro: 0, A, B ed AB. Ogni gruppo sanguigno si sviluppato in luoghi ed epoche diverse nel corso della storia dell’uomo. In principio esisteva solo il gruppo 0, oggi invece ne esistono quattro, di cui l’ultimo ad aver fatto la sua comparsa è il gruppo sanguigno AB, che è anche il più raro.

Ecco le principali caratteristiche dei quattro gruppi sanguigni:

Gruppo sanguigno 0

E’ il primo gruppo sanguigno apparso sulla Terra ed è definito il cacciatore-raccoglitore, perché al principio il tipo 0 si cibava appunto solo di ciò che riusciva a cacciare/pescare o raccogliere (erbe, radici, frutta, bacche, ecc.). Ha uno stomaco robusto che produce parecchio acido cloridrico e ciò gli permette di digerire molto bene la carne, che rappresenta il suo pasto principale. E’ invece intollerante al glutine contenuto nel frumento, ai latticini ed è molto sensibile al fruttosio contenuto nella frutta, specialmente se viene mangiata fuori stagione.

Vai alla dieta del gruppo 0

Gruppo sanguigno A

Il gruppo A è apparso circa 25.000 – 15.000 anni fa, in seguito all’introduzione dell’agricoltura e all’allevamento degli animali. Tra tutti i gruppi è quello che di più si avvicina alla così detta “dieta vegetariana”, in quanto tollera male la carne rossa. Tuttavia digerisce bene la carne bianca del pollo e del tacchino e va molto d’accordo anche con il pesce e con le uova. Come il gruppo 0 non tollera il frumento ed è decisamente intollerante alla maggior parte dei latticini, in particolare ai formaggi stagionati. E’ particolarmente sensibile alle situazioni di stress ed ha bisogno di maggiore ore di sonno per recuperare le energie rispetto al gruppo 0.

Vai alla dieta del gruppo A

Gruppo sanguigno B

Il gruppo sanguigno B è nato in Asia circa 10.000 – 15.000 anni fa. Rappresenta l’eredità delle popolazioni nomadi, la cui alimentazione era basata soprattutto sulla pastorizia. Dal punto di vista alimentare è quello con meno intolleranze e la sua dieta è un perfetto equilibrio tra mondo vegetale e mondo animale. Può cibarsi tranquillamente di carne rossa (tranne il maiale), pesce, verdure, molti tipi di legumi, frutta, uova e anche molti tipi di latticini. Infatti è l’unico gruppo sanguigno in grado di tollerare abbastanza bene il latte vaccino. E’ invece intollerante al frumento, al mais, al pollo, alle lenticchie, al grano saraceno e al pomodoro. Questi rappresentano i pochi cibi che dovrebbe assolutamente evitare.

Vai alla dieta del gruppo B

Gruppo sanguigno AB

E’ il più recente e il più raro, si è sviluppato nell’ultimo millennio e rappresenta un perfetto incrocio tra gruppo A e gruppo B, con cui ha molti aspetti in comune. E’ quello con il sistema immunitario meno reattivo, che si ammala più difficilmente e che allo stesso tempo ci mette più tempo a guarire. La sua alimentazione è un misto tra quella del gruppo A e quella del gruppo B. Non tollera la carne rossa, tollera poco i latticini e per nulla il frumento.

Vai alla dieta del gruppo AB

Per maggiori informazioni visita il sito: Dieta del gruppo sanguigno

Annunci